Home / Scuola e Sociale / LA SCUOLA VA A RILENTO…

LA SCUOLA VA A RILENTO…

logo_orologio2 Lettera di un genitore con una figlia diversamente abile alle superiori….

“Quest’anno la scuola non riesce a partire… tagli o non tagli proprio non parte…

1. Alle superiori devono ancora arrivare due insegnanti di sostegno in sostituzione di due maternità poi ce ne sono altri due o tre in malattia (abbastanza lunghe). La funzione strumentale (coordinatore degli ins. di sostegno) mi ha detto che alcuni ragazzi hanno visto l’ins. di sostegno solo quattro o cinque volte fin’ora. Mia figlia dovrebbe avere 9+4 ore di due ins. di sostegno, poi c’è un’altra ins. di sostegno in classe di un’altra ragazzina che le dà un’occhiata per altre 9 ore. Però fin’ora mi è sembrato più un parcheggio confusionario che un inizio di scuola. V. ci va volentieri ma ha peggiorato la postura seduta e la scialorrea.

2. Gli educatori non sono ancora arrivati, la situazione contrattuale ha un iter burocratico da seguire dopo aver dato l’appalto delle assunzioni all’associazione Prodigio di Novellara. Forse arriveranno a metà novembre….

3. I tutor non sono ancora arrivati per un problema burocratico con l’Inps.

4. L’orario definitivo entra il vigore da martedi 2 nov. Le ore passeranno da 60 minuti a 50 minuti. Allora ho chiesto se ci sarà il recupero dei 10 minuti aggiungendo ore di sostegno (per mia figlia sarebbero 2 ore in più). La funzione strumentale mi ha risposto che i recuperi ci saranno ma non direttamente sul ragazzino. Il collegio docenti deve ancora deliberare ma sicuramente saranno destinate a laboratori e/o supplenze. La Corte dei Conti ha detto solo che si devono recuperare ma non le modalità.

5. E’ già da qualche settimana che è sorto un problema. La funzione strumentale mi ha detto che mio marito, che accompagna la mattina mia figlia a scuola, non può accompagnarla in classe. E’ un problema di copertura assicurativa e motivazioni pedagogiche, ha detto. Deve lasciarla al personale ATA sulla porta: mia figlia sta imparando a camminare in modo quasi autonomo senza carrozzina e lo deve fare nel modo corretto, in più andare in classe è un modo per mantenere i rapporti con i compagni visto che V. non parla e c’è un passaggio di informazioni. La prima ora fin’ora non c’è mai stato alcun insegnante di sostegno. Inoltre se anche ci sarà e verrà a prendere mia figlia sulla porta, avverrà si lo scambio di informazioni casa-scuola ma non lo scambio di rapporti umani con la classe. Ho risposto che ne dobbiamo parlare con la dirigente perchè non sono d’accordo. Un punto d’incontro lo si deve trovare anche perchè con la situazione penosa scolastica che ci ritroviamo questo mi sembra l’ultimo dei problemi.

Vi ringrazio per la lettura/sfogo”.

Lettera firmata di un genitore di Guastalla

7 commenti

  1. Innanzitutto mi presento, mi chiamo Baricchi Stefano e sono genitore di una ragazzina diversamente abile che frequenta il quarto anno dell’istituto magistrale MATILDE DI CANOSSA A REGGIO EMILIA.
    Sono il promotore, assieme ad altri genitori di ragazzi/e diversamente abili di una SERATA CHE SI TERRA’ MARTEDI 17/11/2009 alle ore 21 presso l’aula magna dell’istituto, che vorrebbe vedere istituzioni (enti locali ed AUSL) e genitori coinvolti in una discussione avente per tema l’accoglienza ed il percorso dei ragazzi diversamente abili all’interno della scuola.
    Organizziamo questa serata d’accordo con il dirigente scolastico per cercare, alla luce delle esperienze e dei contributi che tutti noi possiamo portare, di organizzare una “rete” di persone disposte a lavorare assieme con l’unico intento di migliorare la condizione dei ragazzi diversamente abili all’interno delle scuole.
    Facciamo questo per tentare di affrontare con maggiore incisività ed efficacia questo tema che se approcciato, come fatto fino ad oggi, nei normali incontri che i singoli genitori hanno all’interno degli istituti frequentati dai propri figli/figlie, rischia di diventare solo un momento dove si va meramente a constatare quanto già deciso in altre sedi e da altre persone, ed in buona sostanza a prendere atto che ogni anno si aggiungono nuovi problemi a quelli già esistenti.
    Faccio questa doverosa premessa per sgombrare il campo da equivoci riguardo quello che nelle nostre intenzioni deve essere l’unico obiettivo di quella serata.
    Sto inviando questa mail oltre che alle istituzioni a tutte le associazioni di volontariato note, ed alla stampa locale sperando di contare sulla presenza di tutti per quella serata.
    A breve metterò anche in linea un sito per il quale ho già registrato il dominio:
    http://www.disabilinellascuola.it
    dove poterci, sia pure in maniera telematica, tenere in contatto e scambiarci pareri e/o consigli.

    Vi ringrazio comunque per l’attenzione che mi avete dedicato e vi porgo distinti saluti

    Stefano Baricchi

  2. Nuovo incontro in programma tra le associazioni più rappresentative della disabilità ed il Ministro Gelmini per il 19 novembre, qui sotto il testo:
    “Subito dopo la riunione della Consulta delle Associazioni delle Persone con Disabilità del 4 novembre scorso presso il MIUR, i presenti avevano espresso forti perplessità circa l’ opportunità di proseguire la collaborazione con il Ministro.

    La perdurante assenza di risposte da parte del mondo politico sull’attuale grave condizione della scuola pubblica italiana, che vede seriamente compromesso il processo di inclusione degli alunni con disabilità, è fonte di così grande preoccupazione per le Associazioni, che FAND e FISH, le federazioni più rappresentative del mondo della disabilità, hanno fatto fronte comune per chiedere un immediato e inderogabile incontro con il Ministro Gelmini.

    La risposta non si è fatta attendere. La richiesta congiunta della FAND e della FISH ha avuto quale esito la convocazione della Consulta delle Associazioni delle Persone con Disabilità ad un incontro con il Ministro Gelmini già per il prossimo 19 novembre.

    La Federazione tra le Associazioni Nazionali delle Persone con Disabilità e la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap hanno accolto con soddisfazione questa convocazione.

    Si augurano che, nel corso dell’incontro, il Ministro possa indicare soluzioni concrete per risolvere positivamente le emergenze che, dall’inizio del nuovo anno scolastico, si pongono quali ostacoli per l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità. Le questioni più urgenti, che riguardano fra le altre, il numero degli alunni con disabilità inseriti nella stessa classe e il conseguente rischio di un ritorno alle classi differenziali, sono state già segnalate al Ministro Gelmini attraverso un documento a firma congiunta delle due Federazioni, FAND e FISH. Rispetto alle risposte che il Ministro dovrà fornire, vi è grande attesa da parte di tutte le Associazioni aderenti alle Federazioni firmatarie e del mondo della disabilità.

    Nel frattempo, le due Federazioni confermano una iniziativa per il 3 dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità.”

    http://www.superabile.it

  3. Pubblico un comunicato stampa molto importante appena ricevuto:

    3 DICEMBRE 2009: DECISA LA MOBILITAZIONE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ E DEI LORO FAMILIARI PER SENSIBILIZZARE IL GOVERNO.
    PIÙ ATTENZIONE AI PROBLEMI DELL’INCLUSIONE E RISPOSTE CONCRETE SULLA SCUOLA.

    La Fand – Federazione tra le Associazioni Nazionali dei Disabili, e la Fish – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, nell’incontro del 10 novembre 2009, hanno deliberato di indire una propriainiziativa congiunta il prossimo 3 dicembre a Roma per celebrare la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità.

    Tale decisione nasce dall’esigenza di riaffermare che le persone con disabilità ed i loro familiari devono poter essere protagonisti della propria esistenza; obiettivo oggi spesso reso impossibile nel nostro Paese, a causa dei ritardi culturali e dei numerosi ostacoli che ancora si frappongono per realizzare una piena inclusione e vita indipendente.
    Una questione che sembra spesso dimenticata dalle Istituzioni. Dopo aver constatato l’assenza di politiche significative a favore dei diritti delle persone con disabilità e della loro inclusione sociale, le due Federazioni (che raggruppano le maggiori e più significative associazioni di persone con disabilità e loro familiari) hanno deciso unitariamente di avviare uno stato di mobilitazione, a promozione e difesa dei diritti umani, civili e sociali di tutte le persone con disabilità in Italia.

    Tale decisione scaturisce inoltre a seguito dell’ennesimo episodio di scarsa attenzione ai gravi problemi dell’inclusione scolastica da parte del Ministro della Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini, la quale non ha finora mai partecipato alle riunioni della Consulta ministeriale dell’Osservatorio sull’Integrazione scolastica degli alunni con disabilità.

    Pertanto la Fand e la Fish hanno infine deciso di non partecipare alle riunioni della Consulta delle Associazioni delle persone con disabilità del Miur e di invitare le altre organizzazioni a fare altrettanto, finchè il Ministro Gelmini non interverrà e garantirà risposte concrete.

    Il Presidente Fand Il Presidente Fish
    Giovanni Pagano Pietro Vittorio Barbieri

  4. A proposito di scuola ed alunni diversamente abili rimando le lettura dell’articolo a questo indirizzo:
    http://www.superabile.it/web/it/CANALI_TEMATICI/Scuola_e_Formazione/Il_punto/info-1078912954.html
    … niente da aggiungere per ora… è più che sufficiente!!!!

  5. …oltre alle difficoltà che l’alunno e i genitori devono affrontare quotidianamente dentro e fuori la scuola, aggiungiamo anche le clausule dell’assicurazione????……

    per me tutto ciò é decisamente assurdo!

  6. Alle elementari e medie io ho sempre accompagnato in classe mia figlia… penso che a parte i problemi assicurativi sia a discrezione di ogni scuola e/o insegnanti.
    Se vogliono, tutto è possibile… soprattutto in questi casi!!!
    Comunque anche a Poviglio noto che la situazione è caotica anche se sono già arrivati gli educatori… queste cose mi mettono i BRIVIDI… altro che Halloween…

  7. non ho parole….anche a Poviglio, alla scuola elementare,con mio figlio c’è un caos impressionante. Le ore della settimana sono divise su tre persone: 2 insegnanti e un’educatrice. In alcune mattine ha addirittura il passaggio di tutte e 3, immaginate come può essere disorientato, un bambino di 7 anni, in mezzo a questo giro di persone. Le informazioni si perdono tra un passaggio e l’altro, e usando molti metodi differenti si finisce per perdere tutto ciò che avevamo acquisito negl’anni.
    Per quanto riguardo l’entrata a scuola, a me come genitore fanno entrare, ma solo perchè gli devo togliere la giacca, che è un po’ una manovra problematica, per tutti gli altri bambini invece non fanno entrare i genitori (salvo casi eccezionali) per problemi assicurativi, ma questo è in tutte le scuole…purtroppo.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.