Home / Sedute Consiliari / Consigli Comunali / 30 Settembre 2009, resoconto sul 4° Consiglio Comunale
I primi 3 punti dell'ordine del giorno (comunicazione del sindaco, comunicazioni del presidente ed approvazione verbale seduta precedente) sono stati una semplice formalità, ma, per il quarto punto c'è stata una accesa discussione. Riguardava le Variazioni di Bilancio. Un comune, nel corso dell'anno, si trova ad incontrare dei normali imprevisti nella gestione del denaro. Una voce del bilancio può diventare più o meno onerosa del previsto ed alcune entrate od uscite possono essere sovrastimate o sottostimate rispetto a quanto previsto mesi prima. Ma non é tutto. Una variazione può anche essere segno di un cambio di direzione politica.

30 Settembre 2009, resoconto sul 4° Consiglio Comunale

Mercoledì 30/9/2009
Ormai il ritardo è una prassi. Alle 20.35 i consiglieri presenti sono 4.
Prima delle 20.45 di sicuro il Consiglio Comunale non è iniziato.

I primi 3 punti dell’ordine del giorno (comunicazione del sindaco, comunicazioni del presidente ed approvazione verbale seduta precedente) sono stati una semplice formalità, ma, per il quarto punto c’è stata una accesa discussione. Riguardava le Variazioni di Bilancio. Un comune, nel corso dell’anno, si trova ad incontrare dei normali imprevisti nella gestione del denaro. Una voce del bilancio può diventare più o meno onerosa del previsto ed alcune entrate od uscite possono essere sovrastimate o sottostimate rispetto a quanto previsto mesi prima. Ma non é tutto.

Una variazione può anche essere segno di un cambio di direzione politica.

Quando abbiamo visto che in prima pagina del documento “Variazioni di Bilancio” si parla del continuo percorso di ammodernamento del sistema informatico del comune su Windows Server System, beh…. non si può che mostrare disappunto!
Avremo poca fiducia, ma siamo fermamente convinti che nessuno ha preso in considerazione la possibilità dell’open-source. Tant’è che questa, fra le varie questioni è stata del tutto ignorata. Come se non si sapesse neanche cosa vuol dire open-source.
Continuiamo pure a pagare mister Microsoft. Quando ci sono decine di amministrazioni che stanno migrando verso l’open-source risparmiando così le spese di licenza software. Parliamo di città come Firenze, Lodi, Pescara, Bolzano, Torino, e i risultati sono stati eclatanti: la sola provincia di Bolzano risparmia 1 milione di euro ogni anno!
I risparmi vengono dal fatto, come accennato sopra, che per il software libero non occorre comprare le licenze per poterlo utilizzare e dal fatto che il software open-source può essere modificato ed adattato alle proprie esigenze direttamente dall’utilizzatore. Ma i vantaggi non sono solo economici: il software libero e open-source come Linux non viene attaccato dai virus, per cui rende i dati più sicuri e più economici (non occorre una ulteriore licenza per il software antivirus).

Di seguito, noi della Lista 5 Stelle, abbiamo sollevato la domanda riguardo al tema degli educatori nella scuola. L’assessore incaricato, Rosa Maria De Lorenzi ci ha assicurato, anche se un po’ vagamente, che ha l’intenzione di garantire i finanziamenti. Staremo attenti a riguardo.

Altro tema è stato la riduzione di spesa per la Polizia.
Ma scusate… come si può parlare di sicurezza e poi operare una riduzione di 36 000 euro nella spesa per la polizia? per delle economie? per un poliziotto andato in pensione e non sostituito?
La sicurezza purtroppo talvolta la si fa più che altro nelle campagne elettorali.

Ed entriamo nel vivo del Consiglio, vale a dire la discussione nata sulla realizzazione del Palazzetto dello Sport.
Già perchè le intenzioni di questa maggioranza sono quelle di NON realizzare il palazzetto. Dicono che i soldi non ci sono e che, se in futuro verrà realizzato si manterrà il progetto approvato (menomale, visto che sono stati già spesi parecchi euri dei cittadini e sarebbe decisamente stupido oltre che antieconomico gettarne via il frutto), ma gli stessi progettisti a costo 0 (ma com’é possibile??? vedremo…) ripenseranno la locazione in altro sito che deciderà la Maggioranza (magari lontano dalle scuole superiori???!!!)
NOI DELLA LISTA 5 STELLE ABBIAMO RIBADITO che a Guastalla il Palazzetto è assolutamente da considerare come una priorità.
Il consigliere Fiumicino (Guastalla Insieme), nel sul intervento, ha ripreso l’argomento spiegando inoltre che i soldi ci sono in buona parte. Proverrebbero 1milione dalle vendite delle quote enia/iride (nota dolente per il cittadino, si spera quindi che almeno i proventi tornino come benefici al cittadino), 300mila da accantonamenti precedenti, 300mila stanziati dalla provincia e 600mila attraverso la stipula di un mutuo.
Ma per Lusetti i soldi non ci sono
, a causa dei 490 mila euro di buco della società ASP (servizi alla persona, per la quale Guastalla dovrebbe rispondere per il 46% circa, cioè 260 mila euri) e a causa delle “casse disastrate lasciate dall’amministrazione precedente che NON HA SAPUTO PREVEDERE LA CRISI!” (…direi che nel mondo intero non so chi si sia stato in grado di prevederla!!! Nemmeno mago Tremonti… anche se lui pensa il contrario…).
Del milione di euro della vendita delle quote enia/iride non fa menzione e ribadisce che i soldi a disposizione sono pochi e che loro hanno altre priorità, come per esempio l’attuazione della Mozione inerente la disabilità presentata dalla nostra Lista Civica 5 Stelle (e questo non può che farci piacere), insomma, conclude Lusetti “Noi puntiamo al SOCIALE!!!”
Ma scusi Vice-sindaco… Un Palazzetto dello sport cosa sarebbe se non un intervento a favore del sociale?!
Come anche Villani (Uniti per Guastalla) nel suo intervento ha ribadito.

Qualcuno però pensa, e fra questi noi della Lista Civica 5 Stelle, che quest’amministrazione non voglia fare il palazzetto per non avere le “maglie strette” economicamente ed avere invece la possibilità di investire appunto nelle SUE priorità.
Con questa decisione ci rimette chi aveva assoluto bisogno del palazzetto, tipo le varie associazioni sportive della città e centinaia di possibili fruitori del palazzetto stesso, ovvero i cittadini. In poche parole ci rimette la maglia sociale della città.

Fiumicino (Guastalla Insieme) ha posto anche alcune domande riguardo il destino della Biblioteca, la realizzazione del Polo Scolastico e della scuola a San Martino e sullo stato di alcuni lavori sul patrimonio comunale, ha chiesto l’aggiornamento del sito web del Comune (sigh!!!) ed in fine ha chiesto il perché della modifica di modalità di distribuzione dello stanziamento di 100.000 euro per aiutare disoccupati e cassaintergati.
Da queste domande é emerso che il Polo Scolastico non si farà e soprattutto é nata una discussione, che sarà a nostro avviso certamente da riprendere ed approfondire, sul metodo di scelta dei beneficiari dei 100.000 euro.
La Giunta comunale ha pensato bene, o sarebbe meglio dire MALE, di istituire un’Associazione formata da componenti della stessa giunta ma indipendente dal Comune, alla quale passare i 100.000 euro da gestire secondo ordinamento e statuto propri!!!
La settimana precedente al consiglio comunale, in commissione consiliare Territorio – Ambiente – Benessere sociale, ho ovviamente votato contro questa proposta che definire assurda è poco. Ma di questo sicuramente torneremo ad occuparcene più profondamente in un futuro molto prossimo.
Il dibattido è poi volto su chi meriti gli aiuti e chi no, se le ISEE sono un parametro utilizzabile o meno o se sia meglio l’assegnazione dei contributi con lo svolgimento di lavori socialmente utili. Argomento che non si può esaurire in due battute e necessita di una discussione apposita.

Per tutti questi motivi, all’atto del voto sul Bilancio di previsione, NOI della Lista 5 Stelle ABBIAMO VOTATO CONTRO.
Risultato della votazione:

Favorevoli: La Maggioranza.
Contrari: Tutti i consiglieri di Minoranza.

In chiusura il Vice-sindaco Lusetti ha dichiarato che comunque le variazioni di bilancio “non sono indicative” e che solamente quando avranno fatto il Bilancio di Previsione sapremo le loro intenzioni (sorpresaaa???!!!).

Davide Zanichelli,
Consigliere Comunale Lista 5 Stelle Beppegrillo.it
Vicepresidente Commissione Ambiente, Territorio e Benessere sociale
www.guastalla5stelle.org

12 commenti

  1. ciao,
    preciso che non voglio fare troppo la precisina su dati che non conosco quindi il mio intervento è solo un pensiero sorto spontaneo.
    In merito al discorso Frattini, la frase di Dallasta é (…) cifra non inferiore a 50.000€ l’anno, (…)
    …mi sembra di capire che la cifra sia annua…quindi se é tutto vero i 50.000 vanno moltiplicati per gli anni….allora fai presto a raggiungere grosse somme…
    …e poi, hai ragione a scrivere (…)“Ma se poi ho DAVVERO bisogno di soldi a breve, mi conviene o no trovarmi già impiccato con un mutuo da 600k euro?” (…) il discorso fila,
    aggiungo solo che spero non debbano servire per un commissariato!

    • Vorrei solo rispondere che in un bilancio di un Comune ci sono le spese di investimento e di spesa corrente. Le spese di investimento (opere pubbliche) sono coperte da entrate proprie, da alienazioni o con il ricorso al credito. i 600mila € si riferiscono a quest’ultima modalità con l’assunzione di un mutuo che oggi ha un tasso molto favorevole e la cui rata (interessi più capitale) sarebbe stata rimborsabile nei prossimi 10 o 15 anni nell’ambito della spesa corrente attraverso o una riduzione di altre spese o maggiori entrate. La contraddizione della Giunta è proprio quella di aumentare la spesa corrente tenendo aperte due strutture “pesanti” come il Frattini e il Palazzo Ducale di prossima apertura, rinunciando alla vendita del Frattini i cui proventi sarebbero utilizzabili per altre opere. Ho già detto, poi, che altre risorse in un prossimo futuro potranno essere disponibili con utili Sabar ed Enia, società partecipate del Comune, tali da estinguere il mutuo prima della scadenza. Dunque il quadro economico si teneva perfettamente. Si tenga presente che tutti i Comuni, per le opere pubbliche, ricorrono spesso a mutui della Cassa depositi e prestiti o altri istituti (è il cosiddetto indebitamento pubblico) garantiti, ovviamente, dalle entrate certe del Comune. Il livello di indebitamento va sicuramente tenuto sotto controllo, ma il Comune di Guastalla oggi ha ampi margini nelle proprie possibilità. La giunta sostiene che il momento è difficile e bisogna stare attenti a spendere perchè vi sono altre necessità. Ma anche qui si dice una cosa sbagliata, perchè le somme disponibili per il Palazzetto dello sport sono utilizzabili solo per gli investimenti. Come Comuni abbiamo sempre lamentato le ristrettezze del patto di stabilità che impediva gli investimenti pur avendo risorse a disposizione, soprattutto in questo momento nel quale occorre sostenere la ripresa economica. Fermare i cantieri è molto grave! Pensate: 2,3 milioni di € per il palazzetto avrebbe consentito ad una impresa l’impiego di almeno 50 persone con il relativo indotto di fornitori. 50 persone occupate, 50 famiglie con qualche assillo in meno. Ieri sera Lusetti ha detto che non va bene l’ubicazione perchè vicino c’è la ferrovia che sarà elettrificata. Anche questa è una scusa, perchè le distanze sono osservate e poi, proprio la vicinanza della stazione potrà consentire il facile raggiungimento degli impianti sportivi da parte degli atleti provenienti da fuori comune.
      Capisco che la materia finanziaria dei Comuni è complessa, però con un po’ di buona volontà si arriva a capirla. Qualche incontro di formazione è sempre una cosa buona.

  2. […](…direi che nel mondo intero non so chi si sia stato in grado di prevederla!!! Nemmeno mago Tremonti… anche se lui pensa il contrario…)[…]

    Tutti daccordo che non si possa farne esattamente una colpa del “non aver previsto la crisi”, certo che agire come se nulla fosse quando questa è ormai palese, sarebbe una colpa ancora più grande!

    Ma è possibile che proprio a nessuno venga in mente qualcosa tipo “Ma se poi ho DAVVERO bisogno di soldi a breve, mi conviene o no trovarmi già impiccato con un mutuo da 600k euro?”

    E checchè ne dica il buon Mario

    […]Per dire che mancano dei soldi per la realizzazione dell’opera, hanno compiuto una variazione di bilancio il 30 settembre togliendo la parte già prevista di finanziamento attraverso l’accensione di un mutuo di 600.000€ circa[…]

    Il solo concetto di mutuo IMPLICA che i soldi non ci sono. punto. Non che i maghi della finanza dell’attuale amministrazione si sono inventati chissà quale artificio contabile per dire “che mancano dei soldi”, perchè quelli di fatto mancavano già prima.

    Ora non conosco precisamente il piano di rientro del finanziamento incriminato, ma una quota capitale di 600.000 euri finanziati, a spannoni genera interessi che altro che i 50.000 del Frattini…

    Poi sarà sicuramente una scelta impopolare, ma condivisibile in un periodo come questo.
    In alternativa, la prossima volta eleggiamo il faraone a Guastalla

  3. Il confronto pubblico è un ottimo inizio perchè si stabilisca un rapporto costante tra amministrazione e cittadini!!!
    I cittadini di solito vedono sempre i risultati, mai il percorso delle finalità e priorità che un Comune persegue…
    Di solito non ci sono incontri pubblici preventivi per conoscere “sul campo” le esigenze dei cittadini il cui malcontento si riscontra dopo, in sede elettorale!
    Per fare ciò, a mio parere, innanzitutto ci vuole la TRASPARENZA: è inutile un confronto senza i dati veritieri alla mano. Sui DATI DI BILANCIO passati non c’è discussione, sono DATI DI FATTO e gli investimenti futuri sono delle scelte politiche e non.
    Se il Palazzetto è una priorità per Guastalla, lo sanno i guastallesi ed è indispensabile tenerne conto!
    Non poniamo però l’attenzione solo sul problema Palazzetto per anni (o come già successe sul problema Fontana si o Fontana no… altro tasto dolente…) distogliendo lo sguardo da TANTE ALTRE PROBLEMATICHE ugualmente o anche meno ma di sicuro importanti.
    … questo è un pensiero di un’interessata cittadina guastallese…

  4. ringrazio molto il sig. Mario Dallasta per le utilissime informazioni che fornisce, noi infatti non avendo sufficiente conoscenza dello stato delle finanze del Comune non avremmo avuto posibilità di verificate l’attendibilità di quanto sostenuto da Fiumicino o da Lusetti nello scorso Consiglio Comunale.
    L’ipotesi di un incontro pubblico con cittadini ed associazioni sportive era già stato ipotizzato dalla nostra lista civica, ora potremo meglio valutarne l’opportunità.

  5. Mario Dallasta

    Mi inserisco nei vostri dialoghi perchè desidero ribadire ancora una volta che Lusetti e Benaglia dicono cose false in merito al finanziamento della nuova palestra.
    Per dire che mancano dei soldi per la realizzazione dell’opera, hanno compiuto una variazione di bilancio il 30 settembre togliendo la parte già prevista di finanziamento attraverso l’accensione di un mutuo di 600.000€ circa, cifra non eccessiva e ripianabile nei prossimi dieci anni oppure con nuove entrate che potrebbero verificarsi, ad esempio, con la distribuzione di dividendi Sabar, qualora lo Stato fosse meno esoso nella richiesta di rimborsi derivanti da una moratoria fiscale degli anni 90 che l’UE non ha ritenuto consona considerandola aiuto di Stato. En passant ricordo che quest’estate l’assessore alla cultura affermava che avrebbe tenuto aperto il Frattini, previsto in alienazione, non trasferendo la biblioteca e i servizi culturali in Palazzo Ducale: l’aggravio di spese si evidenzia di per sè per una cifra non inferiore a 50.000€ l’anno, cifra benissimo utilizzabile per il mutuo, visto che il Comune di Guastalla ha un bilancio sano e non ha contratto swap o derivati finanziari spazzatura. Altro che bilancio disastrato, nonostante i taglieggi subiti dagli E.L. dal Governo a partire dal rimborso ICI! Giustificare con i disavanzi di gestione dell’ASP l’accantonamento della nuova palestra è un altro inganno perchè sono debiti pregressi e ripianabili con il patrimonio delle ex IPAB, che hanno portato nelle ASP i loro disavanzi. E in ogni caso riguarda le politiche sociali i cui fondi notoriamente sono a capo delle Regioni taglieggiate dal Governo centrale.

    I restanti 1.600.000, di cui 300.000 della Provincia dati come compartecipazione per una palestra a servizio del Polo scolastico, sono soldi in cassa e che non si sa per cosa ora saranno utilizzati.
    Ricordo che la parte finanziata con mutuo è stata iscritta a bilancio nell’aprile scorso a completamento del progetto secondo elementi di miglior comfort, compreso impianti di risparmio energetico, e secondo le prescrizioni della commissione prov.le dei Vigili del Fuoco il cui parere è giunto con qualche allungamento dei tempi, altrimenti si sarebbe proceduto al la gara di assegnazione dei lavori.

    Ancora a giustificazione dello stop, l’attuale maggioranza di destra ha affermato che mancava il progetto esecutivo. Il ché è vero fino ad un certo punto, infatti lo studio vincitore del concorso e a ciò incaricato era pronto a redigerlo per consentire di fare il bando di assegnazione dei lavori alla ditta vincente. Ma se la nuova Giunta fa sospendere la progettazione esecutiva e stoppa l’accesso al credito, è evidente che non vuole la palestra.

    Per verificare la veridicità di quanto detto, si possono consultare i seguenti atti:
    – determina n. 437 del 17 ottobre 2008 per l’affidamento degli incarichi professionali ai vincitori del concorso di progettazione per la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport;
    – disciplinare d’incarico repertorio n. 4285 del 29 gennaio 2009 per la redazione della progettazione definitiva ed esecutiva del nuovo palazzetto dello sport;
    – deliberazione del Consiglio Comunale del n. 28 del 21 aprile 2009 per la variazione del bilancio di previsione 2009 e del bilancio pluriennale per l’apposita e completa copertura finanziaria.
    – deliberazione della Giunta Comunale n. 69 del 27/5/2009 per l’approvazione progetto definitivo.

    Forse è il momento di chiamare la Giunta ad un confronto pubblico con le associazioni sportive per metterla di fronte alle proprie responsabilità nel negare un’opera il cui valore sociale e non solo è già stato anche da voi sottolineato.
    Mario Dallasta

    • Marco Dallai

      Ringrazio Mario Dallasta per le informazioni che ci ha dato e lo invito a contribuire anche in futuro all’informazione trasparente che cerchiamo di dare con questo blog.
      In merito all’argomento Palazzetto… soldi o non soldi…, io sarei d’accordissimo per l’organizzazione di un evento pubblico che possa chiarire la questione.

  6. Quando ho letto “la scarsità di idee di chi ci amministra” ho pensato “niente di più vero”!!!

    Noi siamo qua, in questa lista, in 4 gatti, in cui la cosa che non ci manca sono le idee: trasporti, acqua pubblica, connettività, energia, rifiuti zero, scuola, sicurezza(quella vera!), ambiente. Abbiamo idee ma siamo in pochi. Ancora.

    E invece, chi sta sulle seggiole, è fuori dal mondo, Gli parli di internet, sotware libero e non capisce, gli parli di soddisfazione dei bisogni e pensa, purtroppo al prodotto interno lordo, gli parli di energia rinnovabile e pensano al nucleare. Sono fuori dal mondo, vivono solo nella televisione.

    Sono proprio curioso di vedere le facce che faranno(presto, molto presto) quando gli parlerò del software gratis e di Skype.

  7. Grazie ragazzi della lista Civica 5 Stelle per l’opportunità che date ai tanti cittadini ,che ancora seguono la cosa pubblica , di avere un ottimo resoconto di quello che succede nel Consiglio Comunale di Guastalla. La scarsità di idee di chi ci sta ammnistrando è purtroppo assai evidente. Mancanza di trasparenza , il sito del Comune a mala pena da notiiza dei Consigli Comunali, ancora non sono accssibili on line le delibere di giunta o del Consiglio; si spendono soldi in aggiornamenti software senza dare al cittadino un servizio dignitoso. Poi l’idea di costituire una associazione ( di natura privata o pubblica ? CHI SONO i soci ? ecc ) con tanto di costo aggiuntivo per la sua creazione , al fine di gestire fondi pubblici ( o anche privati ? ) per affrontare i disagi delle famiglie colpite dalla crsi, appare di una stupidità stupefacente… Perchè , se non si hanno idee su come procedere , visto che si vuole totalmente rinnegare quanto previsto e stabilito dalla precedente ammnistrazione, ( in verità non si fidano dei loro dipendenti e/o funzinari dei servizi sociali , perchè li ritengono troppo” vicini” al centrosinistra, come stanno dimostrando le azioni intraprese in altri settori della ammnistrazione locale , vedi futura riorganizzazione -nomina di un nuovo segretario comunale ecc ), non coinvolgono le associzioni di volontariato laico e cattolico presenti sul territorio e che già stanno facendo un oscuro ma prezioso lavoro nell’ambito sociale ?? mi fermo qui , ho già il sangue che mi ,ribolle … alla prossima ..
    cordialmente Candolo Adelmo

  8. Marco Dallai

    L’Associazione che gestirà i famosi 100mila euro è moooolto losca a mio avviso.
    Sarà meglio controllare MOLTO da vicino.

  9. Grazie per il resoconto dettagliato, non essendo potuta essere presente in Consiglio vi ho seguito “in tempo reale” su Twitter, spero che il Comune autorizzi presto le riprese video…
    Grazie dell’interessamento per gli educatori scolastici, sicuramente da parte di tutte le famiglie interessate!
    Inoltre non riesco a capire se ci sono o no i soldi per il Palazzetto: dovrebbero essere dati certi e pubblici!
    C’è sicuramente da approfondire le finalità ed i componenti dell’Associazione appena costituita…
    … mai abbassare la guardia…

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.