Home / Scuola e Sociale / Scuola e Disabilità… a che punto siamo…

Scuola e Disabilità… a che punto siamo…

Sono passate due settimane dall’inizio dell’anno scolastico…
Alle superiori mancano ancora docenti di classe, qualche insegnante di sostegno e gli educatori comunali sono ancora “in alto mare”.

L’orario provvisorio si articola in modo indecifrabile: ore da 55 o 60 minuti e giornate da 4 o 5 ore: si può uscire da scuola un giorno alle 12:05 ed un altro alle 13:00: il tutto stabilito settimana per settimana il venerdi precedente! Ho chiesto quando ci sarà l’orario definitivo, così per organizzarmi al lavoro (perchè “ogni tanto si lavora anche”), la risposta è stata: “ci vorranno anche due mesi”. Due mesi?
Inoltre c’è almeno una classe con trenta alunni compresi 2 in carrozzina + gli insegnanti in un’unica aula..

Bè, direte voi, almeno gli insegnanti stanno arrivando. Si, rispondo io, ma per i ragazzi diversamente abili in quantità insufficiente. Non c’è nemmeno un insegnante di sostegno ogni due ragazzi… cioè se va bene, solo 9 ore su 30 di frequenza. E le altre?

Ho chiesto alla scuola dei dati precisi sulla situazione, a mio avviso grave, e come risposta ho ottenuto numeri approssimativi perchè, quando hanno sentito, che mi sarei rivolta tramite l’associazione disabili di cui faccio parte al dirigente del Centro Servizi Amministrativi di Reggio Emilia Dott. Aiello, allora hanno fatto un passo indietro…

Meno informazioni = meno possibilità di lamentele: il tutto è proporzionale.

…anche perchè (mi sono informata) potrei fare un esposto con conseguenze legali: “mancata garanzia del diritto allo studio, integrazione scolastica e piena realizzazione delle potenzialità del ragazzo”… non ci dovrebbe essere bisogno di arrivare in Tribunale!
Ma… se ci sono al massimo 9 ore per ogni alunno diversamente abile, perchè alcuni ragazzi ne hanno molte di più??? E’ una “coperta” corta, copri qua e scopri da un’altra parte.
Sarà perchè ci sono alunni di “serie A” ed alunni di “serie B”? A volte si, altre volte dipende dalla gravità della situazione.

In più, alcune famiglie non hanno la “forza di lottare” tutti i giorni…come colpevolizzarle?

E’ logorante!

A volte sono stata anch’io un genitore di “serie A”, ma ho cercato di condividere informazioni e rendere la “mia conquista” una normalità per tutti.
…alcuni genitori però si tengono per sé e ben strette le loro conquiste… a volte per paura di perderle.
A proposito degli educatori comunali nessuno mi ha ancora dato una risposta
: Comune, Scuola, Ufficio Scolastico Provinciale…sebbene ho saputo che nel Comune di Reggio le problematiche siano già state risolte!
La quantità delle loro ore a scuola dipenderà dalla sensibilità (non solo di bilancio) della nostra amministrazione comunale… avremo modo di parlarne…
Sicuramente, alcuni di voi penseranno:
“questa qui parla sempre di disabilità”. Si è vero!!!
Ho una figlia con disabilità ed un figlio che a gennaio dovrò iscrivere in prima elementare (altro tasto dolente)…

Se ognuno di noi racconta quel “pezzetto di quotidianità” che viviamo, allora sì che ci sentiremo una società informata, condividendo con gli altri le esperienze individuali.

E’ solo così che il “bavaglio dell’informazione” si può togliere… cominciando proprio da Guastalla… da noi!

Elisa Pizzi

11 commenti

  1. INSERISCO UNA MAIL ARRIVATAMI DA UN PAPA’… LEGGETE è IMPORTANTE!!!
    Buongiorno a tutti,
    la presente fa seguito alla mia comunicazione in data 03/06/2009 nella quale ipotizzavo un incontro tra i genitori dei ragazzi diversamente abili di tutte le scuole di ordine e grado di Reggio Emilia e provincia.
    Diversi di voi mi hanno in seguito contattato per incoraggiarmi ad andare avanti in questa iniziativa, di questo ringrazio comunque tutti.
    Visto che, almeno per quanto riguarda l’istituto dove studia mia figlia, ma penso purtroppo anche in generale , le cose sono ulteriormente “degradate” per quanto riguarda il sostegno ai diversamente abili, penso che questo incontro non sia piu’ rimandabile.
    Per questo motivo ho fissato, d’accordo con il preside dell’Istituto Matilde di Canossa Prof. Giuliano Fornaciari, la data per questo incontro che abbiamo pensato essere il giorno 17 Novembre 2009.
    Sto prendendo accordi con la stampa locale per dare a questa iniziativa un minimo di rilievo.
    A tutti quanti voi chiederei a questo punto :

    – Di divulgare questa iniziativa al maggior numero di persone possibili, dipende molto anche da quanti saremo, l’esito futuro di iniziative tipo questa.
    – Di dichiararmi, rispondendo al mio indirizzo mail, una fascia oraria di gradimento per questo momento (ne abbiamo ipotizzate 2 una prima di cena diciamo 18.30 / 20.30 ed una seconda dopocena 20.30 — 22.30 circa) sceglieremo ovviamente quella che ha riportato il maggiore “gradimento”

    Il “taglio” che intenderei dare a questa iniziativa deve essere inizialmente almeno informativo, occorre parlare con chiarezza del problema dei ragazzi diversamente abili (perchè di problema per la scuola si tratta….) con numeri alla mano.
    Per questo motivo proporrei che l’incontro vertesse su un dibattito basato su testimonianze ed interventi presentati dai genitori, ma attendo ovviamente le vostre considerazioni a riguardo.
    Secondo me un’altra finalità che questo incontro deve avere è quella di rimanere in contatto tra noi genitori, questo in un primo momento per scambiarci impressioni e riuscire,nel caso in cui l’iniziativa dovesse riscuotere un buon successo, a coordinarci meglio per il futuro, ma non escludo che da questo incontro possa prendere origine qualcosa di piu’ ambizioso che ci consenta di avere un peso maggiore nelle decisioni che vengono prese in merito ai diversamente abili all’interno della “istituzione scuola” , almeno questo sarebbe il mio auspicio, ecco perchè chiederei il vostro migliore contributo alla diffusione della conoscenza di questa iniziativa.
    La “massa critica” che riusciremo a mettere in campo sarà un fattore determinante per aspirare a qualcosa di piu’ costruttivo di quanto riusciamo a fare oggi.
    Sto anche cercando di organizzare qualcosa che ci consenta di tenerci in contatto almeno sul web (un blog o qualcosa di simile….), durante l’incontro spero che saprò essere piu’ preciso a riguardo.

    Ringrazio comunque tutti per la collaborazione

    Stefano Baricchi
    stefano.baricchi@libero.it

    • Ottima iniziativa!
      come senpre l’unione fa la forza…quindi speriamo riesca a coinvolgere un bel numero di persone!

  2. Ciao, ho appena inviato una mail al Dott. Aiello con il link di questo articolo per poter leggere oltre l’articolo, anche i commenti e porre la sua attenzione sulla grave situazione scolastica che continua a perseverare qui in provincia. Spero, anche se forse è utopia, in una sua risposta tramite il blog… o almeno una riflessione sui nostri figli che meritano di essere considerati, niente di più e niente di meno degli altri!!!

  3. Si anche a Poviglio e Brescello siamo nel caos più estremo. Le insegnanti di sostegno e non solo, non sono state ancora tutte assunte. Quelle poche che sono presenti non sanno come fare per coprire tutte le clessi e tutti i bimbi diversamente abili. Gli educatori, se tutto va bene, dovrebbero prendere servizio da metà ottobre in poi.
    Sò ,per certo, che anche l’anno scorso non eravamo in una situazione molto positiva, ma ora siamo al limite!!!
    Contattami se vuoi per parlarne. anche tramite Cristiana.

  4. Grazie Laura, è importantissimo sapere tutte le realtà scolastiche… in più l’unione fa la FORZA!
    Teniamoci in contatto sugli sviluppi della situazione e ricordiamoci sempre che la SCUOLA é UN DIRITTO per tutti!!!
    A presto.

  5. anche a livello di scuola media non so se le cose siano migliori…non sappiamo se ci sarà l’educatore…non so ancora quante ore ha di sostegno mia figlia Veronica…se questo è il futuro scolastico degli alunni disabili…meglio stendere un velo pietoso

  6. Olivia Ardioli

    …basta negarla una, due, tre,…..cento volte e l’evidenza sparirà!
    …é così che fa le magie Silvio, con i media che fanno da assistente!

  7. Dal sito http://www.superabile.it arrivano informazioni nazionali:
    “Ore di sostegno diminuite in quasi tutte le scuole d’Italia se non addirittura dimezzate!”
    Dall’altra parte lo stesso ministro Gelmini smentisce dicendo: “…ci sono strumentalizzazioni e disinformazione ad opera della sinistra…”
    NO MIO CARO MINISTRO…la realtà è questa! E in tutta Italia! Come si fa a negare l’evidenza???

  8. …e non solo sulla scuola!
    lo scopo di questo blog é anche quello di raccogliere pezzetti problemi quotidiani da chiunque abbia voglia di migliorare la realtà che lo circonda.
    Per questo trovo importantissimo che Elisa e Lorenzo continuino a parlarci di scuola e disabilità…perché io non conosco questi ambiti e non saprei proprio come migliorarli.

  9. Marco Dallai

    Lorenzo dice bene!!!
    Aspettiamo i vostri commenti e le vostre esperienze. Il confronto è sempre costruttivo, soprattutto in questo caso.
    La scuola è il futuro di ogni paese!!!

  10. Lorenzo Artioli

    che bello sarebbe se altre persone che vivono quotidianamente la realtà scolastica condividessero le loro impressioni sulla attuale situazione dell’Istruzione.

    almeno avremmo un quadro variegato e con molti punti di vista, altro che le palle che ci raccontano i giornali e le televisioni…

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.