Home / Politica / Giovedì 24 settembre parte Annozero senza Marco Travaglio?

Giovedì 24 settembre parte Annozero senza Marco Travaglio?

Marco TravaglioAnnozero, rischia di saltare Travaglio.
Ma Santoro potrebbe farlo intervenire a sorpresa telefonicamente.

ROMA Il contratto che do­vrebbe legare Marco Travaglio a Raidue da giovedì prossimo per i suoi corsivi ad «Annoze­ro » ancora non è stato firmato. Nell’ambito dei collaboratori del direttore generale Mauro Masi, fanno capire che è impos­sibile sapere «quando verrà fir­mato e soprattutto se verrà fir­mato ». Sembra dunque difficile che l’avvio della trasmissione di Michele Santoro, fissata per giovedì su Raidue in prima sera­ta, possa avvenire con la con­sueta presenza di Travaglio. Il paradosso è che i problemi legati al contratto non derive­rebbero dai suoi «corsivi» rea­lizzati per Michele Santoro e «Annozero». Il vero nodo ri­guarda una puntata del maggio 2008 di «Che tempo fa» condot­ta da Fabio Fazio su Raitre in cui Marco Travaglio, presente come ospite, accusò il presiden­te del Senato, Renato Schifani, «di aver avuto rapporti con per­sone poi condannate per mafia, come scrive Lirio Abbate, il giornalista dell’Ansa minaccia­to dalla mafia». E poi aggiunse: «Se alla presidenza del Senato dopo De Nicola, Pertini e Fanfa­ni, ci ritroviamo con personag­gi come Schifani sono terroriz­zato dal dopo».

L’Agcom, l’Auto­rità per le Telecomunicazioni, multò in quell’occasione la Rai e ricordò, in generale, che in ca­so di «colpa grave» le multe al­la Rai possono arrivare fino al tre per cento del fatturato azien­dale. Ovvero 90 mila euro. L’Agcom, insomma, non sanzio­na il singolo autore o condutto­re ma l’azienda come editore. Ma la Rai non ha agito contro Travaglio perché ha presentato ricorso all’Agcom: e quindi, per viale Mazzini, la multa è sospe­sa fino a sentenza definitiva. Ribatte con ironia l’interessa­to, Marco Travaglio: «Penso che dobbiamo stare tutti tran­quilli. Il presidente del Consi­glio, in tempi non sospetti, dis­se che alla Rai non avrebbe spo­stato nemmeno una pianta. Ab­biamo alla Rai un presidente di garanzia come Paolo Garimber­ti. Siamo pieni di autorità varie che controllano. Siamo in una botte di ferro, in una situazione tanto garantista. Più tutelati di così…».

Per queste ragioni Mau­ro Masi ha chiesto, con una pro­cedura inedita, direttamente al­l’Agcom un parere sul «caso Travaglio» e sui suoi preceden­ti proprio per arrivare a una de­cisione corroborata da pareri e al di sopra di ogni sospetto poli­tico. Per questo incontrerà il presidente dell’Autorità, Corra­do Calabrò. Paolo Ruffini intanto fa sape­re, a proposito di voci di ricam­bio al vertice di Raitre: «Il diret­tore generale non mi ha mai parlato di una mia sostituzione, Raitre e Tg3 non sono in sca­denza, vorrei essere valutato in base al lavoro fatto, non mi sen­to ostaggio di nessuno e non credo che il problema siano le beghe in casa Pd». Giovedì co­sa accadrà? Santoro ha sempre detto che «Annozero» «è» Mar­co Travaglio e che senza di lui non andrà in onda. Quindi nien­te puntata? Difficile dirlo. Ma non è escluso. Visto che, in as­senza di un contratto, Santoro il 16 marzo scorso aggirò la so­spensione di Vauro chiamando l’attrice comica Francesca For­nario che lesse alcune tavole del vignettista «sospeso». Po­trebbe esserci un collegamento esterno «a sorpresa»? Una tele­fonata in diretta anche senza contratto? Chissà. L’effetto sor­presa sarebbe assicurato.

Fonte: “corriere.it

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
Santoro: «Senza Travaglio Annozero non si farà»
Le dichiarazioni di Michele Santoro e Marco Travaglio durante la conferenza stampa di presentazione.

Michele Santoro è perentorio nel definire la situazione attuale della sua trasmissione, che dovrebbe andare in onda il 24 settembre ma, per ora, senza il suo opinionista Marco Travaglio: «Marco c’è, e senza di lui non c’è Annozero». Il contratto di Marco Travaglio è infatti ancora in sospeso, con il dg della Rai Mauro Masi che ha chiesto al presidente dell’Agcom Corrado Calabrò un incontro relativo all’interpretazione delle passate delibere sullo stesso Travaglio.
«In questo Paese c’è una lista di farabutti e vigilati speciali, tu – ha detto Santoro rivolto a Travaglio – sei un vigilato speciale. Noi questo non lo possiamo accettare».
Santoro, parlando alla conferenza stampa di presentazione del programma, presenti anche il direttore di Rai Due Marco Liofredi i consiglieri di amministrazione di opposizione Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten, chiede «che ci sia onestà. Se sbaglieremo pagheremo».

Dal canto suo Travaglio, anche lui presente alla conferenza stampa, ha dichiarato: «Nessuno mi ha chiamato, non ho preparato nulla. Non so se ci sarò né cosa dirò, so che sono mortificato», ha detto commentando la sua situazione che lo vede ancora in sospeso e senza contratto a due giorni dalla partenza del programma di Santoro.
«Mi sembra tutto abbastanza chiaro, mi sento mortificato come il gatto che è stato allevato a prendere topi, che li prende e per questo riceve i complimenti dal suo padrone. Mi è successo con grandi giornalisti, che mi rendo conto che oggi possono essere considerati sovversivi, come Indro Montanelli ed Enzo Biagi. Oggi in tv entrano assassini, stupratori e canari ma nessuno mi ha spiegato cosa ho fatto di male, essendo tra l’altro incensurato». «Almeno – osserva Travaglio – aspettino che io faccia qualcosa».

Fonte: “ilsole24ore.com

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Santoro : «A Travaglio non rinuncio»
Il conduttore Rai: «Situazione di una gravità inaudita». Lite con il direttore di Rai2 Liofredi: «Sei un bugiardo»

ROMA – «Marco Travaglio ci sarà, se non c’è lui non c’è “Annozero”. “Annozero” e Travaglio sono la stessa cosa». Lo ha detto il giornalista e conduttore Rai Michele Santoro nella conferenza stampa di presentazione della nuova serie del programma che partirà il 24 settembre su Raidue. «Travaglio – ha aggiunto Santoro – è irrinunciabile anche se non è ancora stato chiamato dall’Azienda per firmare il contratto».

«GRAVITA’ INAUDITA» – In una conferenza stampa dai toni accesissimi, a cui assistono anche diversi dirigenti della Rai, Santoro ha parlato di «situazione di una gravità inaudita» e annuncia che comunque «Marco Travaglio sarà nella nostra puntata che si intitolerà “Farabutti” e tratterà della libertà di informazione nel nostro Paese». Santoro ha parlato di una «partenza ad ostacoli, con i contratti firmati solo una settimana prima dell’inizio del programma e le troupe operative al completo solo tre giorni prima, in un programma che ha come core business l’inchiesta filmata». Il giornalista-conduttore ha ravvisato nelle vicende delle ultime settimane «un attacco alle punte del servizio pubblico, ai programmi che ne incarnano lo spirito: le trasmissioni indicate da Berlusconi a “Porta a Porta” come fatte da “farabutti” hanno tutti dei grossi problemi».

LITE CON LIOFREDI – La conferenza stampa di presentazione della trasmissione di Rai 2 è stata carica di momenti di tensione. Le polemiche che hanno preceduto il ritorno di Santoro sono esplose al tavolo dell’incontro nel momento in cui si affrontava il tema degli strumenti e delle risorse necessarie per la trasmissione. I contratti sono stati firmati con un certo ritardo e ostacoli e incomprensioni si sono verificati per l’assegnazione delle troupe, il tutto, secondo il direttore di rete, Massimo Liofredi, solo per ragioni «tecniche». «Sei un bugiardo. E querelami se vuoi, ma non ti conviene», ha detto Santoro al direttore di Raidue, mentre dava ai giornalisti la sua versione dei fatti. «Nessuna querela», ha sottolineato Liofredi. Che poi però replicava: «Io ne farei anche a meno di una trasmissione come questa. Mi piacerebbe invece vedere un bel programma di politica. Non mi piacciono le trasmissioni contro. Tu – aggiungeva rivolto a Santoro – fai un certo tipo di televisione, una specie di inquisizione mediatica, che a me non piace. Ma non è un fatto personale». Il clima della conferenza stampa è stato così sintetizzato dal consigliere di amministrazione Rai Nino Rizzo Nervo: «Questa conferenza stampa è il simbolo dell’anomalia italiana dove un direttore di rete presenta una trasmissione che di fatto non condivide».

TRAVAGLIO – «Nessuno mi ha chiamato, non ho preparato nulla. Non so se ci sarò né cosa dirò, so che sono mortificato» ha detto invece Travaglio. «Mi sembra tutto abbastanza chiaro, mi sento mortificato come il gatto che è stato allevato a prendere topi, che li prende e per questo riceve i complimenti dal suo padrone. Mi è successo con grandi giornalisti, che mi rendo conto che oggi possono essere considerati sovversivi, come Indro Montanelli ed Enzo Biagi. Oggi in tv entrano assassini, stupratori e canari ma nessuno mi ha spiegato cosa ho fatto di male, essendo tra l’altro incensurato. Almeno – ha osservato Travaglio – aspettino che io faccia qualcosa»

Fonte: “corriere.it

2 commenti

  1. QUESTA rai MI FA SEMPRE + SCHIFO

  2. Ce la mettono proprio tutta a mettere i bastoni tra le ruote…sembra incredibile ma è tutto vero…purtroppo.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.