Home / Documenti / Interrogazioni / Gli strumenti del vostro consigliere: L’interrogazione

Gli strumenti del vostro consigliere: L’interrogazione

Vi ricordate un paio di settimane fa, quando ho parlato degli strumenti di un Consigliere Comunale parlando delle “mozioni“.
Oggi voglio introdurre un altro strumento a disposizione di un Consigliere, e cioè l’interrogazione.

Prima di questo, però, è importante ricordare il diritto all’informazione dei consiglieri. In tal senso l’articolo 48 del Regolamento del Consiglio Comunale, al comma 1 dice che:
I Consiglieri comunali, per acquisire notizie ed informazioni utli all’espletamento del proprio mandato, hanno accesso agli uffici del Comune ed a quelli degli enti e delle aziende dipendenti“.

Questo diritto sembra piuttosto generico, ma se ci pensate, è Fondamentale, per conoscere ciò che avviene in Comune. E dunque per farlo conoscere a voi.

Bene, arriviamo all’ Interrogazione.
Come dice l’articolo 50 al comma 1: “L’interrogazione consiste nella semplice domanda rivolta al Sindaco, se un fatto sia vero, se alcuna informazione sia giunta in ufficio e sia esatta, se sia o si stia per prendere alcuna risoluzione intorno ad un determinato affare.
Se necessario si può richiedere che venga data una risposta scritta alla domanda.

Può sembrare una banalità, ma sappiamo benissimo quanto sia facile per le pubbliche amministrazioni che particolari temi cadano nel dimenticatoio. Per fortuna alcuni cittadini hanno buona memoria :)

Ed è proprio il loro(il vostro) aiuto che può essere utile per far sì che l’amminisrtrazione non si “scordi” delle cose.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.