Home / Politica / Democrazia: l’Attacco Finale

Democrazia: l’Attacco Finale

(Da una nota di Mauro Lavaroni)
13/05/2009
L’attacco finale alla democrazia è iniziato! Berlusconi e i suoi sferrano il colpo definitivo alla libertà della rete internet per metterla sotto controllo. Ieri nel voto finale al Senato che ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (disegno di legge 733), tra gli altri provvedimenti  c’è l’obbligo di denuncia per i medici dei pazienti che sono immigrati clandestini e la schedatura dei senta tetto.

Con un emendamento del senatore Gianpiero D’Alia (UDC), c’è  la Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet”. Il testo la prossima settimana approderà lla Camera. E nel testo approdato alla Camera l’articolo è diventato il nr. 60. Anche se il senatore Gianpiero D’Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo, questo la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della “Casta” che non vuole scollarsi dal potere. In pratica se un qualunque cittadino che magari scrive un blog dovesse invitare a disobbedire a una legge che ritiene ingiusta, i provider dovranno bloccarlo.

Questo provvedimento può obbligare i provider a oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all’estero. Il Ministro dell’interno, in seguito a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l’interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine. L’attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore. La violazione di tale obbligo comporta una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000 per i provider e il carcere per i blogger da 1 a 5 anni per l’istigazione a delinquere e per l’apologia di reato, da 6 mesi a 5 anni per l’istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all’odio fra le classi sociali.
Immaginate come potrebbero essere ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta con questa legge?
Si stanno dotando delle armi per bloccare in Italia Facebook, Youtube, il blog di Beppe Grillo e tutta l’informazione libera che viaggia in rete e che nel nostro Paese è ormai l’unica fonte informativa non censurata. Vi ricordo che il nostro è l’unico Paese al mondo, dove una media company, Mediaset, ha chiesto 500 milioni di risarcimento a YouTube.
Vi rendete conto?
Quindi il Governo interviene per l’ennesima volta, in una materia che vede un’impresa del presidente del Consiglio in conflitto giudiziario e d’interessi. Dopo la proposta di legge Cassinelli e l’istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra poco meno di 60 giorni dovrà presentare al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al”pacchetto sicurezza” di fatto rende esplicito il progetto del Governo di “normalizzare” il fenomeno che intorno ad internet sta facendo crescere un sistema di relazioni e informazioni sempre più capillari che non si riesce a dominare. Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet? Chi non può farlo pensa bene di censurarlo e di far diventare l’Italia come la Birmania.

Oggi gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati Beppe Grillo dalle colonne del suo blog e la rivista specializzata PuntoInformatico. Fate girare questa notizia il più possibile.

È ora di svegliare le coscienze degli italiani. È in gioco davvero la democrazia!!!

(Fine nota di Mauro Lavaroni)

Inoltre è bene ricordare che fu Luciano Violante (Ex DS ora PD) nel 2003 alla camera ad affermare che vennero date piene garanzie a Berlusocni per la sua eleggibilità, che non avrebbero “toccato” il conflitto di interesse ed addiriturra agevolato l’aumento del fatturato di Mediaset attraverso la vendita di pubblicità.

Mi chiedo quindi dove stia la destra e dove la sinistra, chi ha deciso queste azioni e per l’interesse di chi?

Oggi stiamo subendo una serie di attacchi alla democrazia, ed i cittadini non fanno nulla, si accontentano del grande fratello del calcio delle fiction, e sino a quando avranno di che mangiare staranno buoni buoni senza protestare, come fanno le mucche nella stalla, mangiano e si fanno mungere.

Mi chiedo dove siano oggi gli anti fascisti, i combattenti per la libertà, le persone libere, i liberi pensatori, siamo già in un regime feudalistico, i signori sono all’opera ed indipendentemente dal colore politico fanno i loro interesse e non certo quello dei cittadini, come volevasi dimostrare.

Ieri 13/05/2009 il senato ha dato il suo SI al piano nucleare in barba al referendum del 1987, i comuni, le provincie e le regioni non potranno opporsi, perchè i siti, e così anche i cantieri, saranno obiettivi di carattere strategico nazionale, diventereanno zone militari, perciò INVALICABILI, come lo sono diventati i campi di immondizia a Napoli, localizzati in zone agricole, sovradimensionando le aree che li ospitano.

Ma come si dice, “lontano dagli occhi lontano dal cuore“, o meglio “se non sei in televisione non esisti“, e così gli italiani si “bevono” la balla che il Sig. B. avrebbe “risolto” il problema rifiuti, come il problema del terrremoto, o meglio dei terremotati dell’Abruzzo, ma in televisione fanno vedere solo la parte “bella” del piano di soccorso, non fanno mai vedere tutti gli altri siti interessati dal tracico evento, nonostante i giornalisti siano stati invitati a “prendere nota” a visitare anche altri luoghi, da personale stesso della protezione civile (non mi riferisco a Bertolaso).

Ed allora cari cittadini, ognuno avrà ciò che si merita, perchè siete voi che potete fare la differenza, ma finchè non vi svegliate nulla accadrà.

Buona Notte e Buona Fortuna

Gianluca Sassi (Candidato Sindaco “Lista Civica Cavriago 5 Stelle)

Libero Pensatore

Pubblicato sul sito www.cavriago5stelle.it.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.